Pordenone, lì martedi 26 settembre 2017 - 12:59
scrivimi

ti trovi qui: Home PageBobbioDecennale



Norberto Bobbio, dieci anni dopo Il dovere della verità anche se scomoda

08/01/2014 - MARCELLO SORGI - La Stampa

Aveva l’espressione austera e corrucciata del filosofo e la severità del professore stampata in viso, Norberto Bobbio. Nella casa di via Sacchi, accolti dalla signora Valeria, e dal suo modo speciale di far reagire il marito all’umor nero del tramonto, si entrava col timore di rompere il silenzio della meditazione. Bobbio passava il suo tempo nello studio, curvo su un tavolino traballante carico di libri e illuminato da una lampada fioca.

La morte si è dimenticata di me!», esordiva, sollevando il capo nella penombra. Ma era un vezzo. Subito dopo, la stanchezza, il peso della vecchiaia, la sensazione di sentirsi fuori posto, in un mondo che non gli apparteneva più, lasciavano spazio alla curiosità, al gusto della conversazione, ai lampi di intelligenza e a un sorriso avaro, concesso con parsimonia da uno consapevole di non aver più ragioni per gioire.


... leggi tutto [ link ]



Un anno dedicato a Norberto Bobbio

08/01/2014 - MASSIMO NOVELLI - R2 CULTURA - la Repubblica

Il 9 gennaio del 2004, all’età di 94 anni, Norberto Bobbio moriva a Torino. Sincero e commosso fu l’omaggio che migliaia di persone gli resero, dandogli l’ultimo saluto nella camera ardente allestita nell’aula magna dell’Università torinese, dove, oltre che negli atenei di Camerino, di Siena e di Padova, il filosofo aveva insegnato. Curiosamente il decennale della scomparsa cade nei mesi che, quantomeno a livello politico, dovrebbero segnare la riscossa dei quarantenni e la rottamazione del cosiddetto “vecchio”. Invece proprio il ricordo di un “grande vecchio” come Bobbio offre nel 2014 la possibilità di ritornare al suo pensiero, sempre vivo e contemporaneo. Tutto ciò avverrà grazie alle ripubblicazione di alcuni saggi e alle numerose iniziative volute dal Centro studi Piero Gobetti, che ne ospita l’archivio e la biblioteca, e alla famiglia Bobbio.


... leggi tutto [ link ]



LA SFIDA DI BOBBIO ALLA DITTATURA DEL GENERALE PINOCHET

18/10/2013 - MASSIMO NOVELLI - R2 CULTURA - la Repubblica

Invitato dalle Università Cattoliche di Santiago e di Valparaìso a tenere una lezione su democrazia e pluralismo, il 29 aprile del 1986 Norberto Bobbio venne accolto dagli studenti con un grande striscione su cui c' era scritto: «Benvenuto signor Bobbio, quelli che lottano per la democrazia e la libertà la salutano». Il Cile era ancora sotto la dittatura del generale Pinochet.

La presenza del filosofo della politica, la sua conferenza, ebbero dunque il valore di una sfida al regime, segnando un altro passo in avanti per la riconquista della democrazia. La fotografia dello striscione di benvenuto, che pubblichiamo, è stata collocata nello studio che fu di Piero Gobetti, a Torino, nell'edificio di via Fabro 6 che ospita il centro studi intitolato all' autore de La Rivoluzione Liberale


... leggi tutto [ link ]