Pordenone, lì 09.12.2015
 

Università della politica anno accademico 2015/2016

Religione e Stato. Problema che risorge o che non è mai tramontato? Egemonia, conflitto, tolleranza

Fulvio Salimbeni: l’Europa dalle guerre di religione all’Illuminismo

Inaugurazione e prima lezione sabato 12 dicembre 2015 ore 9:15

Sala convegni ex Convento di san Francesco - PORDENONE

 

"Ahi, Costantin, di quanto mal fu matre,non la tua conversion,
ma quella dote che da te prese il ricco patre"

(Inferno, XIX, vv. 115-117)

Dante riteneva che la "Donazione di Costantino" fosse stata non solo l’origine della ricchezza della Chiesa ma anche il fondamento per motivare l’egemonia del potere spirituale su quello temporale. Non si trattava in verità solo di una questione di potere: era in ballo il problema posto da Platone: gestire lo Stato in maniera che realizzasse al meglio la Giustizia. Allora da questo punto di vista la Chiesa era legittimata a svolgere un ruolo in quanto interprete del volere di Dio. Anche nel mondo mussulmano la questione è impostata in modo analogo: pur non essendoci una autorità “ecclesiastica “ unica, esiste tuttavia un testo , Il Corano, che va preso come riferimento e in qualche caso esplicito legislatore nella gestione dello Stato. Con lo Stato Moderno (a partire da Macchiavelli) allo Stato è affidato un compito limitato: non realizzare una impossibile giustizia terrena, ma controllare la violenza interna dei cittadini fra loro, difendere la comunità dalla violenza esterna di altri stati, espandere il proprio territorio e potere proprio per garantire la sicurezza. Per ottenere questi obiettivi lo Stato non ha bisogno di nessun controllore o ispiratore “esterno” (Chiesa, Religione) ma si autoproclama “ assoluto” cioè del tutto autonomo rispetto a norme che non provengano dal potere dello stato stesso...

tutte le informazioni

 

 

RISPETTIAMO LA VOSTRA PRIVACY. Ricevete questo notiziario in quanto iscritti alla newsletter dell’Associazione Bobbio - Pordenone od a quella di uno dei nostri partner con i quali collaboriamo.
Questo messaggio di posta elettronica ha come unico scopo quello di tenervi informati sulle attivitá dell‘Associazione. In quest‘ottica vi preghiamo di accettare le nostre nostre più sincere scuse se questa
e-mail non è di vostro interesse. Questo messaggio è stato inviato in modo che il vostro indirizzo non appaia accomunato a quello di altri, nel rispetto del Decreto Legge 196/03. I dati che vi riguardano vengono trattenuti presso la sede della nostra Associazione, sita in via Roma, 18 - 33083 Chions - Pordenone e sono protetti ed oggetto di custodia da parte della rappresentante legale e Presidente dell‘Associazione Deborah Del Basso. Se non intendete ricevere da noi ulteriori notizie, vi preghiamo di scrivere a notizie@associazionebobbio.it indicando nell‘oggetto o nel testo la parola  CANCELLA. Vi ringraziamo per il tempo che avete voluto dedicare alla lettura di questa nota informativa.

La Presidente Deborah Del Basso
 
 

Associazione Norberto Bobbio
www.associazionebobbio.it
notizie@associazionebobbio.it

sede legale: via Roma, 18 - 33083 Chions - Pordenone
Rappresentante legale: Deborah Del Basso
P.IVA / C.F. : 01649910930